Archivi per la categoria ‘stampa’

Il pesce, la festa e la penitenza

ajaxmail

Pescaor, storie di pesca sul Garda

L’Associazione “Amici del Gondolin” Vi invita presso le sale del Museo della Pesca e delle Tradizioni lacustri nell’ex Padiglione Ufficiali

DOMENICA 2 GENNAIO 2011

alle ore 16:00

per la proiezione del documentario di 50 minuti

“PESCAOR…

Storie di pesca del Lago di Garda”

a cura di Gianluigi Miele (presente alla proiezione) seguirà breve dibattito

 

Festeggiamenti del patrono S. Martino

La città prepara i festeggiamenti di San Martino per rinnovare le belle giornate di festa in onore del Santo Patrono. Tutta Peschiera del Garda coinvolta con le associazioni e le parrocchie coordinate dal Comune per realizzare tre giorni di eventi di cui fruiscono in primo luogo i residenti che animeranno i festeggiamenti e visitatori e turisti che potranno scegliere questa ricca occasione autunnale per venire a Peschiera del Garda .
Il vario programma si unisce alle tradizionali iniziative della Parrocchia dedicata al Santo e, naturalmente, alle solenni Celebrazioni religiose nella bella Chiesa in Piazza Ferdinando di Savoia.

L’attesissimo spettacolo piromusicle dell’INCENDIO DEI VOLTONI, ponte cinquecentesco veneziano che attraversa il Canale di Mezzo, si svolgerà il giorno di San Martino alle ore 20.00. La gara di voga veneta del 4° PALIO DI SAN MARTINO si svolge: sabato 13 novembre alle ore 16.30

Programma 2010

sabato 6

15.00 – 20.00 apertura della tradizionale pesca di beneficenza presso la parrocchia di San Martino

domenica 7

09.00 – 13.00 / 14.30-20.00 pesca di beneficenza
16.00 – Chiesa di San Martino conferenza dal titolo: “arte e canto” a cura di Don Antonio Scattolini che illustrerà un dipinto di San Martino del pittore Cima da Conegliano. Canti del coro “Campane di San Martino”
lunedì 8 10.00 – 12.00 pesca di beneficenza

mercoledì 10

18.30 – Chiesa di San Martino: veglia di preghiera in preparazione alla festa del Santo Patrono.

giovedì 11 novembre SAN MARTINO

08.00 – 13.00 mercato contadino piazza F. di Savoia
09.30 – 12.00/ 14.30 – 20.00 pesca di beneficenza
10.00 – 17.00 giro gratuito in barca intorno alle mura della fortezza partenza dal Canale di Mezzo
15.00 – Sala Paolo VI – giochi per ragazzi
15.00 – 22.00 – castagne, vin brulé, cioccolata, dolci per le vie del centro storico
15.00 – 18.00 apertura Museo della Pesca e delle tradizioni locali sul Canale di Mezzo
17.30 – aperitivo in p.le Betteloni si prosegue la serata sotto Porta Brescia con bar e musica – da gustare lo spiedo

18.30 – Chiesa di San Martino celebrazione Santa Messa Solenne presieduta dal Vescovo S. E. Mons. Maffeo Ducoli: sono invitati i sacerdoti nati a Peschiera, operanti attualmente in Peschiera e coloro che hanno svolto il loro ministero nella Parrocchia di Peschiera

ore 20.30 – per chi lo desidera è possibile cenare insieme in un ristorante locale con i Sacerdoti che accoglieranno l’invito (quota per la Cena è di € 18,00 e le adesione si raccolgono entro le ore 12.00 del giorno 11.11 presso la pesca di beneficienza versando la quota)

ore – 20.00 INCENDIO DEI VOLTONI
(in caso di maltempo si rimanda a sabato 13 o domenica 14 )

Grande spettacolo piromusicale sul Canale di Mezzo

venerdì 12

08.30 – Chiesa di San Martino celebrazione Santa Messa
17.30 – festeggiamenti con aperitivo in p.le Betteloni si prosegue la serata sotto Porta Brescia bar e musica – da gustare lo spiedo

sabato 13

10.00 – 22.00 castagne, vin brulé, cioccolata, dolci per le vie del Centro Storico
10.00 – 12.00 / 15.00 – 18.00 apertura del Museo della Pesca e delle tradizioni locali
15.00 – 20.00 pesca di beneficenza
15.30 –p.le Betteloni torneo di giochi tradizionali alle carte

16.30 – 4° Palio di San Martino:
gara di voga veneta nel Canale di Mezzo
arrivo in P.za San Marco
premiazioni

17.30 – aperitivo in p.le Betteloni – sotto Porta Brescia bar e musica – da gustare lo spiedo
18.00 – Chiesa di San Martino celebrazione Santa Messa

domenica 14

08.00 – Chiesa di San Martino celebrazione Santa Messa
10.00 – 21.00 castagne, vin brulé, cioccolata, dolci per le vie del Centro Storico
09.00 – visita guidata gratuita della città fortificata- ritrovo Porta Brescia lato esterno
09.00 – 12.30/ 15.00 – 17.00 pesca di beneficenza
10.00 – 12.00 apertura del Museo della Palazzina Storica
10.00 – 12.00 / 15.00 – 18.00 apertura del Museo della Pesca e delle tradizioni locali
10.00 – 17.00 giro gratuito in barca intorno alle mura della fortezza partenza dal Canale di Mezzo
10.00 – Chiesa di San Martino celebrazione Santa Messa a seguire sul sagrato tradizionale vendita delle torte
10.45 – 11.15 – Street Band Parade e per le vie del centro storico
11.15 – Chiesa di San Martino celebrazione Santa Messa a seguire sul sagrato tradizionale vendita delle torte
17.00 – estrazione dei premi della lotteria
17.30 – aperitivo in p.le Betteloni
18.00 – Chiesa di San Martino celebrazione Santa Messa

Estate al Museo

La nostra Associazione “Amici del Gondoli” organizza con il patrocinio ed il contributo del Comune di Peschiera del Garda la prima rassegna “Estate al Museo”.Tre appuntamenti che si svolgeranno fuori e dentro le mura del nostro Museo della Pesca e delle Tradizioni Lacustri.
Questo in breve il calendario:

Sabato 19 giugno ore 21:30 – “Emozioni in luce”

Il gruppo fotografico “Lo Scatto B.F.I” propone la proiezione dei lavori “Ali sull’acqua”, “Dall’alba al tramonto” e “Birmania”. Un modo nuovo e diverso per gustare ed apprezzare la fotografia d’autore.

Giovedì 1 luglio ore 21:00 – “Il Garda, i pescatori, le barche”

Storie di pesca, di reti, di pescatori, di falegnami, di barche e litigi raccontate dalla viva voce del prof. Giorgio Vedovelli autorevole autore di numerosi libri sul lago di Garda.

Venerdì 9 luglio ore 21:00 – “Cannoniere del Garda”

Le battaglie navali tra la Regia Flottiglia Interna e l’Imperial Regia Flottiglia Austriaca raccontata dall’avv. Marco Faraoni appassionato autore dell’omonimo libro.

Tutti gli incontri si terranno al “Museo della Pesca e delle tradizioni lacustri” presso l’ex Padiglione Ufficiali in viale della Rimembranza.

Mursia Passpartù

Mursia, fondata nel 1955, è uno dei marchi storici dell’editoria italiana. Con il progetto Mursia Passpartù la casa editrice si è messa in movimento per portare nelle piazze italiane incontri con scrittori, storie, idee, esperienze e il suo catalogo di libri: 3800 titoli che coprono un ampio arco di argomenti, dalla storia ai classici della letteratura, dai libri di mare alla manualistica, dalla filosofia alla poesia, dalla narrativa per ragazzi alla cucina, dai gialli ai romanzi d’avventura.

Dal 19 giugno al 4 luglio nello spazio aperto di Mursia-Passpartù* si terranno  a Peschiera incontri e attività rivolti a tutti i cittadini, adulti e ragazzi. Tutti gli incontri sono gratuiti e ad ingresso libero fino a esaurimento posti.

Scaricate cliccando qui il calendario completo degli incontri.

La grande sfida 2010

Un giornata di sport e di festa; non una giornata «in cui fare cose dedicate alle persone disabili bensì un’occasione per condividere tra persone passioni: in questo caso la canoa e il fascino di una cittadina come Peschiera che vista dall’acqua è ancora più bella». Così Roberto Nicolis del Centro sportivo italiano descrive l’escursione in canoa organizzata ieri nelle acque dei canali della fortezza arilicense.

Un appuntamento ormai tappa irrinunciabile dell’attività del Csi che aveva predisposto sul Canale di mezzo le postazioni di imbarco e sbarco dei circa 160 ragazzi che hanno partecipato all’evento. Evento realizzato con il patrocinio del Comune e in collaborazione con numerosi enti e associazioni: gli Scout Nautici Benaco Ora di Peschiera e Sass di Verona, il Circolo anziani, Gruppo Alpini, Sub Club e associazione «Il Gondolin» tutti di Peschiera; e ancora la Polizia di Stato e la Scuola di Polizia, la squadra Protezione civile di Castelnuovo del Garda.

«A tutti loro va il nostro più sentito grazie; lo stesso che rivolgiamo ad Alfonso Patrimonio, che ha messo a disposizione alcune imbarcazioni a motore con cui i nostri ragazzi hanno potuto scoprire Peschiera dall’acqua», ha aggiunto Nicolis sottolineando il valore di questa esperienza in acqua. «Noi facciamo attività tutto l’anno; ma le escursioni organizzate il sabato hanno molto spesso la forza di sbloccare certi meccanismi e spingere la persona a fare in quell’occasione quello che ha imparato nel lavoro in palestra». «E ciò vale ancora di più nel lavoro in un elemento naturale come l’acqua: non a caso molti dei nostri ragazzi vi si sono avvicinati con un timore che col tempo sono riusciti a vincere acquisendo sicurezza e padronanza. Ora sono felici di scendere sulla canoa e pagaiare diventando così parte attiva di questa avventura insieme agli accompagnatori».

Sono stati il sindaco Umberto Chincarini e l’assessore allo sport e al sociale Elio Zenato ad accogliere ragazzi, genitori e accompagnatori sul lungocanale. «Siamo sempre molto felici di ospitare questi momenti che hanno un grande valore educativo per tutti», ha commentato Zenato.

«Ci ha molto colpiti la partecipazione numerosa. La nostra amministrazione e tutte le realtà di Peschiera sono pronte a supportare anche in futuro queste iniziative che coinvolgono la realtà della disabilità. E colgo l’occasione per ringraziare Renato Signorelli, il mio predecessore, che con il sindaco Chincarini si è sempre speso in questa direzione con ottimi risultati».

Articolo tratto dal quotidiano L’Arena di Verona dell’ 11 aprile 2010

La fortezza di Peschiera vuole entrare nell’Unesco

Peschiera farà parte di un gruppo di città candidate ad entrare nella lista dei beni patrimonio dell’umanità dell’Unesco. Capofila dell’iniziativa è la città di Bergamo alla quale la nostra cittadina si è affiancata per valorizzare e tutelare la cinta muraria di difesa realizzata dalla Repubblica di San Marco tra il XV ed il XVIII secolo. Opere che oltre a Peschiera, l’unica completamente circondata dall’acqua, riguardano altri territori che furono sotto la dominazione della Serenissima Repubblica come l’Istria, la Dalmazia, Montenegro, Cipro.

Portualità sul Garda: i sindaci non ci stanno

I sindaci della sponda veronese del lago di Garda scrivono agli assessori regionali all’ambiente.

«Con l’incontro odierno», spiega Passionelli sindaco di Torri e vicepresidente della Comunità del Garda, «abbiamo deciso di chiedere alla Regione la possibilità di rendere indipendenti tra loro i  Comuni in modo da poter approvare specifici bandi di assegnazione posti-barca che tengano conto delle diverse realtà.  «Con questa lettera» prosegue «chiediamo che venga istituito in bilancio regionale, un apposito capitolo di spesa per gli interventi relativi alla portualità pubblica, che raccolga i proventi delle concessioni che ora vengono trattenute al 40% dai Comuni e al 60% dalla Regione tramite l’Ispettorato di Porto.

Attualmente nel bilancio regionale c’è un capitolo che prevede il finanziamento ad interventi generali nel settore dei trasporti da realizzare su aree demaniali della navigazione interna. Così, si ha l’impressione che i proventi dei posti-barca siano devoluti interamente a favore di Navigarda e dei sistemi portuali pubblici, lasciando ben poco o nulla ai Comuni per la gestione delle singole necessità».

«Altro elemento di richiesta», proseguono i sindaci, «è che venga modificata l’attuale norma di classificazione dei fanghi derivanti dai dragaggi dei porti della sponda veronese con parificazione alla normativa lombarda che ha un costo di smaltimento notevolmente inferiore».

Tutte queste richieste derivano dall’approvazione del piano porti unitario del Garda, passato in giunta regionale il 7 aprile scorso e che avrebbe dovuto essere approvato dai singoli Consigli comunali della sponda veronese.

Le scadenze elettorali  ne avevano di fatto posticipato il voto nei Comuni dove si rinnovavano le giunte e così ad oggi il piano rimane ancora da approvare a Peschiera e Bardolino che attendono ancora risposte significative dalla regione per le loro problematiche portuali, da qui il senso di questa lettera.

Il nostro Museo su “l’Arena”

Tirlindane per la pesca al traino, nasse da anguille, ami, retini e alcuni esemplari di imbarcazioni tra cui un’anguillara dell’800 recuperata pochi anni fa sul fondale di ponte dei Voltoni. C’è questo e molto altro ancora nel «Museo della pesca e delle tradizioni locali» aperto a Peschiera nell’ex Padiglione Ufficiali sulla riva sinistra del Canale di mezzo, in pieno centro storico.

Antica Anguilara

Antica Anguilara – Museo del Gondolin

L’allestimento, realizzato con il patrocinio del Comune, è stato organizzato e curato dall’associazione «Amici del gondolin» che ha anche procurato buona parte del materiale esposto. «L’associazione è nata nel 2006», ricorda il presidente Righetti, «la nostra prima sede è stata nell’edificio delle ex scuole elementari fino al settembre dello scorso anno, quando ci è stato concesso questo spazio nel Padiglione ufficiali. Prima ci siamo occupati direttamente della sua sistemazione, poi abbiamo portato tutti il materiale in nostro possesso. A primavera di quest’anno abbiamo finalmente aperto il museo».

L’esposizione è stata ulteriormente arricchita dal materiale, soprattutto fotografico, offerto da alcuni cittadini. «Si tratta», aggiunge Sergio Maggi, «di documenti di gran valore: raccontano la storia del paese e le sue tradizioni».

Tra i cimeli più preziosi collocati nelle otto stanze che compongono il museo c’è sicuramente la anguillara. «È un esemplare veramente unico, in paese ce n’erano in tutto 4 o 5.  Forse le altre sono ancora sul fondale del lago, nascoste dal sedime e dalle alghe.  Questa l’abbiamo recuperata nell’ottobre 2006: l’avevano vista proprio alcuni pescatori.  Era praticamente immersa nel fango e si intravedeva solo la sagoma. Un sub», racconta Righetti, «si è immerso per verificarne le condizioni quindi si è proceduto al suo recupero».

Addio a Jaques Piccard

Jacques Picard

Jacques Picard

Domenica 2 novembre è mancato ad 86 anni il noto esploratore Jacques Piccard personaggio che nella vita è stato un po’ tutto: economista, esploratore, oceanografo, pilota, progettista di sottomarini e figlio di Auguste inventore del batiscafo e dell’areostato.
Sicuramente uno dei più noti esploratori del ventesimo secolo, divenne famoso per essere disceso con il suo batiscafo Trieste nell’abisso della Fossa delle Marianne toccando, il 23 gennaio 1960, la profondità di -10.916 metri. Impresa che gli permise di rimanere sul fondale per circa 20 minuti e che volle compiere insieme all’americano Don Walsh impiegando 5 ore per la discesa e 3 ore e 15 per la risalita.
Negli anni ottanta, precisamente nel 1981, l’esploratore di Losanna si spostò sul lago di Garda per effettuare con il mesoscafo Forel l’esplorazione dei fondali davanti a Brenzone determinando la profondità massima del nostro lago a -332 metri e non -350 come erroneamente riportavano precedenti rilevamenti (in realtà la profondità segnalata dalla maggior parte dei testi è fissata a -346 metri che si trova tra Castelletto e Magugnano).
A questo moderno capitano Nemo rivolgiamo il nostro più sentito saluto di commiato.